Rigeneriamo Siracusa con

Fabio Granata Sindaco

Programma Elettorale del Candidato Sindaco di Siracusa

FABIO GRANATA

sindaco

ASSESSORI

per il comune di Siracusa

Nuccio Romano

Lia Contrino

Marinella Muscarà

Giuseppe Raimondi

Elena Flavia Castagnino

Gianni Monterosso

Gianfranco D’Amico

RESP. UFFICI SPECIALI

per il comune di Siracusa

Giuseppe Gibilisco
SPORT

Camillo Biondo
POVERTA’ ED EMERGENZA SOCIALE

Visione

Abbiamo deciso di candidarci al Governo della nostra amata Città andando OLTRE le vecchie categorie politiche e i tradizionali partiti.
Senza rinnegare nulla della nostra Identità politica e culturale e delle sue connotazioni fortemente sociali e legalitarie, lanciamo una proposta politica civica, libera e intransigente per “RIGENERARE” Siracusa.
Senza condizionamenti possibili ed esclusivamente in difesa dei beni comuni, dei diritti della Comunità cittadina e soprattutto dei più deboli e dei giovani.

A noi piace molto la parola rigenerare.
Dopo anni di rottamare, asfaltare, distruggere, finalmente una parola positiva.
Ri-generare, generare di nuovo un qualcosa, un’idea, un sogno.
Rigenerare la storia antica e nobile di Siracusa non rimuovendo il passato, ma prendendone la parte migliore, aggiungendo esperienze e idee.
Dandogli nuova Vita.
È una parola – rigenerare – che profuma di buon senso, di progetti e di avvenire.
E a Siracusa significa fermare l’avvelenamento della nostra aria e della nostra acqua, il consumo del nostro suolo e la devastazione del paesaggio puntando energie, sforzi, idee, progetti, risorse sulla rigenerazione urbana, industriale, ambientale, culturale, economica e sociale.

Significa mettere al primo posto la salute, la Bellezza, il Lavoro, i Diritti e la Legalità.
Immaginiamo una marcia difficile e lunga perché chi vuole rifondare la Città deve compiere un gesto di GRANDE POLITICA, chiamando a raccolta i potenziali cittadini, cioè chi vuole liberamente impegnarsi in un nuovo patto di civiltà.
E dovrà essere in condizione, nella successiva azione di Governo della Città, di saper dire molti NO.
La rigenerazione urbana, alternativa al consumo di nuovo suolo, potrà restituire bellezza, sicurezza, sostenibilità energetica e funzionalità agli Edifici della nostra Città.
Si partirà dalle periferie, rilanciando il lavoro di progettisti, imprese e maestranze attraverso il recupero del patrimonio edilizio esistente e la tutela del paesaggio, scongiurando il consumo di nuovo suolo.

A volte Siracusa è percepita dai Cittadini e dai Viaggiatori come terra di nessuno: da Ortigia ai quartieri più decentrati.
Questa immagine è frutto di una serie di elusioni o violazioni sistematiche di leggi e regolamenti da parte di molti.
Noi proporremo misure rigorose che, nel rispetto della piccola impresa e dei servizi, ridiano decoro al Centro Storico e alla intera Città.
Centro Storico che non va trasformato in un Parco Divertimenti privo di regole ma deve restare la vetrina più bella, – ma non l’unica – della nostra Identità cittadina.

Una Idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata Idea.
Pericolosa è una Idea che riesce ad andare Oltre gli schieramenti tradizionali.
Che non accetta la sommatoria di soggetti politici finalizzata solo alla vittoria elettorale.

Nessuno di noi teorizza la fine del conflitto politico.
Siamo invece consapevoli della necessità di individuarne il vero profilo, oltre i vecchi e insignificanti schieramenti di centrodestra e centrosinistra: il conflitto reale tra chi crede che tutti siano in vendita e disponibili a chinare il capo a interessi particolari e chi invece intende difendere i Beni Comuni e la Identità culturale straordinaria della nostra Città, chiamando alla partecipazione attiva i Siracusani.
Bisogna scegliere da che parte stare, accettandone i rischi e superando le avversità.
E farlo ORA!

La retorica delle grandi opere, il Paesaggio maltrattato, il Genius Loci confuso e a volte disperso in nome di tendenze globali di appiattimento e di piccole speculazioni fatte di cemento e brutture, utili solo al profitto di pochi e alla distruzione di beni comuni, non rappresentano il futuro di Siracusa ma rischiano di pregiudicarlo per sempre.
Non sarà un nuovo resort né tantomeno un nuovo impianto industriale a risollevare le sorti complessive della Città.

Siracusa non è soltanto il luogo dove viviamo ma deve tornare ad essere il simbolo, il luogo di manifestazione e di espressione di una sostanza che è il modo d’essere di un popolo.
Occorre, allora, ridare alla nostra Città il suo proprio, unico ed ineguagliabile profilo.
In tre modi muoiono le cittá: quando le distrugge un nemico spietato….quando un popolo straniero vi si insedia con la forza….quando i Cittadini perdono la memoria di sé e, senza nemmeno accorgersene, diventano stranieri a se stessi, nemici di se stessi.
La storia antica e nobile di Siracusa andrà invece nuovamente “raccontata” attraverso una visione condivisa con passione dai Cittadini e dai Viaggiatori.
La Storia di Siracusa, dal 734 a.c. ai nostri giorni, può e deve contribuire a renderci consapevoli del nostro nobile lignaggio e spingerci soprattutto ad esserne all’altezza.
E sarà determinate per fare del TURISMO CULTURALE l’architrave di una nuova Idea si sviluppo economico e sociale che riguarderà l’intera Città.
Una Città antica e modernissima: la Siracusa che sogniamo e che possiamo, attraverso idee chiare e azioni coerenti, contribuire a “rifondare”.
A Ri-generare.

Si può determinare una nuova qualità della vita per i siracusani rigenerando l’armonia, la pulizia e la bellezza dell’intera Città : ben oltre i progetti per la salvaguardia e la tutela del centro storico, vogliamo creare e rendere immediati gli interventi urbanistici nelle zone periferiche e nei nuovi spazi dell’agorà contemporanea, spesso cresciuti solo attraverso logiche speculative.
Vogliamo il piano generale del colore degli edifici, interventi strutturali e antisismici, interramento dei fili, energie alternative, sostenibilità energetica, attenzione per le persone con disabilità e le loro famiglie, per gli anziani, per i bambini e per i giovani.
La salute e il lavoro rappresentano le due grandi emergenze della Città.
Emergenze strettamente collegate poiché solo dalla rigenerazione green delle industrie, attraverso la chimica verde e la fine definitiva della raffinazione – da quella ambientale attraverso le bonifiche integrali del suolo, del mare e delle acque e da quella urbana attraverso il risanamento e la messa in sicurezza del Patrimonio edilizio pubblico e privato – potremo far ripartire il lavoro di imprese, progettisti e maestranze.
Con idee nuove e nuove soluzioni.

Una Città esiste e ha un’anima, una fisionomia e una forza da esprimere se risponde a una analoga forza e consapevolezza degli uomini e delle donne che la abitano
Dare senso alla Città significa ricostruirla e rifondarla partendo dai Cittadini.
Rigenerarla.

Il cambiamento non è facile.
Non lo è perchè una comunità è un sistema sociale che tende a replicare le sue dinamiche operative e di potere.
Vale per un individuo, vale per una città.
Ma “non facile” non vuol dire affatto non possibile.
Fai le stesse cose e otterrai gli stessi risultati. Fare – e pensare- cose diverse, invece, produrrà risultati diversi.
Noi di “Oltre” lo sappiamo benissimo, poiché noi di “Oltre” siamo persone che l’hanno già fatto.
E lo faremo anche in questa città.
Una nuova visione, nuovi obiettivi e, soprattutto, nuove pratiche di governo.
Non è un caso che siamo “Oltre”: lo saremo nei fatti, per una città rigenerata e migliore.

Infine, noi vogliamo anche affermare uno stile di comunicazione e azione politica: non si parla e soprattutto non si parla male degli avversari.
Non si infanga ciò che è stato fatto da altri, nel passato e nel presente, se possibile si ringrazia per ciò che di buono è stato realizzato .
Racconteremo e spiegheremo le nostre idee, le visioni, i valori, le priorità, i progetti e le azioni che metteremo in campo.
Punto.
Niente fango sugli altri.
Non si costruisce futuro con il fango, ma con le idee.
Soprattutto quelle che connettono, che creano reti di risorse, movimento in avanti e soluzioni.
Per Siracusa e per i suoi Cittadini.

MANIFESTO PROGRAMMATICO

Manifesto per la Rigenerazione di Siracusa

Noi amiamo Siracusa, Città unica per stratificazione storica, culturale, ambientale, monumentale e paesaggistica.

Noi sappiamo di “non aver bisogno di una nuova Città, ma solo di nuovi occhi per saperla guardare”

Noi riteniamo che i tradizionali partiti politici non abbiano la credibilità, la forza, la libertà di azione e la capacità di elaborare un progetto autentico, rigoroso e coerente di Rigenerazione.

Noi crediamo che oggi la vera distinzione non passi tra destra e sinistra ma tra chi crede che tutto e tutti abbiano un prezzo e chi crede che esistano valori non negoziabili sui quali costruire una nuova politica fondata sulla difesa dei beni comuni, sulla tutela dei più deboli, sulla valorizzazione del merito, sul diritto alla salute, sulla qualità della Vita, sul lavoro.

Noi crediamo che sia possibile rigenerare Siracusa attraverso un’azione lungimirante che abbia come esclusiva stella polare l’interesse e la qualità della vita dei cittadini.

Noi per questo riteniamo indispensabile

la rigenerazione ambientale attraverso:

  • le attività di bonifica dei siti industriali attivi, dismessi o in via di dismissione
  • la ricerca di auspicabili e necessarie attività di riconversione industriale per consentire una nuova filosofia di produzione basata sull’implementazione di nuove tecnologie Green per garantire la massima sostenibilità ambientale
  • il sostegno all’adeguamento tecnologico del polo industriale ai più rigidi standard di sicurezza internazionali che contempli la crescita dei livelli occupazionali con ricadute positive sul territorio, anche con la creazione di figure tecniche specialistiche in processi di rigenerazione ambientale e produzioni green
  • il rigido controllo sulle applicazioni delle prescrizioni AIA, come strumento di verifica e monitoraggio delle emissioni diffuse, fuggitive e dell’inquinamento di acqua e suolo
  • il potenziamento delle attività di monitoraggio e controlli Arpa con assunzione di nuovo personale tecnico specializzato in tecnologie e giurisprudenza ambientale con ampliamento delle dotazioni strumentali per ampliamento delle attività di controllo e verifica delle emissioni fuggitive, diffuse, inquinamento suolo ed acque.
  • la piena applicazione del principio europeo “chi inquina paga”
  • un piano che tende ai “rifiuti zero” e alla “economia circolare”, con realizzazione e promozione sul territorio di riferimento di impianti di compostaggio collettivi e privati, per sensibilizzare alla pratica virtuosa del riciclo spinto e ad una raccolta differenziata che sia capillare efficiente ed efficace
  • la gestione pubblica delle acque e del servizio idrico integrato con l’urgenza improrogabile di porre in essere ogni azione atta ad implementare progetti e conseguentemente a ricercare con efficacia tutti i finanziamenti europei dedicati che possano garantire ad ogni cittadino l’accesso ad un servizio efficiente, unendo il netto miglioramento della qualità dell’acqua e garantendo un minore impatto sui costi della bollettazione
  • il completamento dei collettamenti di collegamento al canale di gronda realizzato a  Villaggio Miano per consentire una risoluzione  definitiva ai problemi di allagamento.
  • l’emancipazione energetica piena con la piena implementazione e l’utilizzo di fonti di energia alternativa e rinnovabile tra le quali centrali fotovoltaiche ed impianti solari termici su tetti e superfici degli edifici privati e di tutti gli edifici pubblici.

la rigenerazione urbana attraverso

  • la riqualificazione o sostituzione dell’esistente attraverso nuove pratiche con criteri di sostenibilità ambientale, nuove tecnologie e bio-architettura
  • un piano di recupero urbano di qualità per il benessere collettivo, sviluppando una nuova visione di città sostenibile
  • la prevenzione del dissesto idrogeologico e la messa in sicurezza da frane, alluvioni, terremoti dell’intera Città.
  • la piantumazione sistematica in ogni parte della Città di nuovi alberi.
  • l’adeguamento antisismico di tutte le scuole e l’introduzione obbligatoria del libretto di manutenzione in ogni edificio pubblico
  • la restituzione della dignità e della sacralità al nostro Cimitero, come delle nostre Memorie più care.

la rigenerazione del mare e dei litorali, attraverso

  • il rilancio della rete portuale e dei collegamenti ferroviari con le zone balneari
  • la valorizzazione sostenibile delle spiagge preservando e rigenerando quelle pubbliche che tali devono restare
  • la manutenzione straordinaria delle strade, il decoro urbano, il collegamento alla rete fognaria di tutte le abitazioni, nuova illuminazione, servizi adeguati e equamente distribuiti.

la rigenerazione dell’agricoltura, attraverso

  • il sostegno alla filiera corta certificata e alle produzioni di qualità locali
  • la promozione dei prodotti locali nella piccola e grande distribuzione per riscoprirne il valore strategico

la rigenerazione sociale, attraverso

  • un piano speciale e prioritario destinato ai quartieri maggiormente degradati della Città con politiche rivolte al diritto al lavoro, all’assistenza alle persone con disabilità e alle loro famiglie e attraverso azioni che favoriscono l’inclusione e la coesione sociale.
  • l’istituzione di uno sportello dedicato alle persone con disabilità e alle loro famiglie
  • l’istituzione di uno sportello dedicato alle famiglie dei detenuti ed ex detenuti, per facilitare i percorsi di reinserimento sociale e di legalità
  • la creazione di centri di aggregazione autogestiti per anziani, con la supervisione degli assistenti sociali del Comune e con la collaborazione delle società sportive per il miglioramento del benessere psico-fisico.
  • l’istituzione di un ambulatorio comunale (nei locali di Via Barresi o al Parco Robinson) con personale sanitario in pensione disponibile a prestare la propria opera gratuitamente per visite di medicina generale e/o specialistiche in favore delle persone in difficoltà economiche meno abbienti
  • il sostegno alle giovani coppie in difficoltà economiche entro i nei primi due anni di vita del bambino.
  • la creazione di una rete con le farmacie ed il Banco Farmaceutico per l’ acquisizione di medicine di pronto intervento
  • i servizi ai cittadini anziani e alle persone immigrate per facilitare il disbrigo delle pratiche burocratiche nei confronti della PP.AA in genere
  • la programmazione e l’implementazione di progetti di utilità sociale a costo zero per la comunità con il coinvolgimento dei migranti che concorrono ad aumentare il livello di decoro delle aree cittadine

la rigenerazione del rapporto scuola- territorio, attraverso

  • il contrasto alla povertà educativa attraverso azioni progettuali zonali
  • la costituzione di un tavolo tecnico permanente composto dai dirigenti scolastici degli istituti comprensivi
  • la pianificazione del Sistema integrato Poli per l’Infanzia 0-6 (lgs 65/2017), nell’ottica di integrazione longitudinale e dell’unitarietà dei percorsi educativi e formativi
  • l’attivazione della mensa scolastica nel rispetto dei tempi previsti
  • la progettazione e la realizzazione del piano educativo territoriale della città, con particolare attenzione all’educazione interculturale, all’educazione ambientale e alla salute, alle pari opportunità, in prospettiva lifelong learning.
  • la creazione di reti finalizzate alla prevenzione e al contrasto della dispersione scolastica e del bullismo
  • la sottoscrizione del patto formativo integrato con le agenzie educative formali e non formali della città
  • la promozione di attività di animazione socio-culturale destinate ai bambini e alle bambine durante la sospensione delle attività scolastiche nel periodo estivo
  • il miglioramento dei servizi di supporto organizzativo destinati ai minori con disabilità
  • la formazione in servizio del personale educativo comunale (Sistema 0-6)
  • l’introduzione obbligatoria del libretto di manutenzione e di adeguamento antisismico delle scuole
  • la redazione di un piano organizzativo della rete di istruzione della città, in stretta connessione con il tavolo tecnico permanente, composto dai dirigenti scolastici degli istituti comprensivi.
  • la creazione di “aule e laboratori didattici decentrati” per l’educazione al patrimonio culturale della città
  • l’istituzione e l’organizzazione della “Giornata di Orientamento delle Scuole della Città”

la rigenerazione del tessuto universitario, attraverso

  • il rilancio e il coinvolgimento della Struttura didattica speciale di Architettura nei piani di sviluppo, di decoro, di arredo urbano e di riutilizzazione degli spazi pubblici, con l’intento di valorizzare i giovani talenti
  • la promozione e attivazione di nuove collaborazioni e partenariati con Università italiane e straniere come volano per lo sviluppo culturale, sociale ed economico della città
  • l’individuazione di spazi pubblici per attività di studio, ricerca e formazione collegate alla gestione, tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, dei siti Unesco e del mondo classico, aperti a nuove collaborazioni e partenariati con Università italiane e straniere
  • il restauro e la riapertura della sede storica del Liceo Classico Tommaso Gargallo, da destinare ad attività culturali e scientifiche di alta formazione
  • la creazione di un  “Centro di Ricerca sul Patrimonio Archeologico Sottomarino e la Storia Marittima del Mediterraneo Antico”
  • la promozione delle iniziative e delle attività funzionali al rilancio di “Siracusa, città universitaria”

la rigenerazione della sanità, attraverso

  • una politica libera dalla lottizzazione e impegnata solo nel diritto alla salute a alla cura del cittadino e alla esaltazione delle professionalità migliori, arginando il triste fenomeno della “emigrazione sanitaria” e dei viaggi della speranza.
  • la nascita di un Polo Oncologico che faccia fronte alla vera e propria emergenza sanitaria direttamente generata dalla presenza industriale e dal suo cieco egoismo produttivistico e finanziato con i proventi dei risarcimenti per disastro ambientale da parte delle industrie.
  • l’ immediata rivitalizzazione e innovazione del patrimonio ospedaliero esistente, accantonando progetti speculativi e inutili come quelli del “nuovo Ospedale”

la rigenerazione della salute dei cittadini, attraverso

  • un alto livello di accessibilità all’informazione sanitaria per tutti i cittadini, per permettere agli stessi di comunicare tempestivamente con il sistema sanitario e trovare le informazioni più appropriate per soddisfare i propri bisogni assistenziali
  • la promozione di stili di vita sani nei luoghi di lavoro, nelle comunità e nelle famiglie, attraverso strumenti atti al controllo del rispetto delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, di promozione della riduzione del fumo e di incremento dell’attività motoria e della corretta alimentazione.
  • le azioni di controllo dei fattori ambientali e climatici per ridurre i rischi legati allo sviluppo di malattie correlate all’inquinamento atmosferico e ambientale.
  • la promozione di una cultura alimentare, eventi divulgativi e progetti di educazione alimentare sul territorio, per prevenire l’obesità.
  • un sistema integrato di controllo sulla Sicurezza Alimentare e sulla qualità dell’acqua destinata al consumo umano
  • l’organizzazione di iniziative per promuovere tra i cittadini programmi di prevenzione primaria, con particolare riferimento alle malattie croniche, trasmissibili e non trasmissibili
  • la promozione, in collaborazione con l’ASP, di programmi di informazione sulla prevenzione ad integrazione dei percorsi diagnostico-terapeutici- assistenziali per le malattie croniche
  • l’incentivazione di piani di vaccinazione e di profilassi
  • l’attenzione alla salute delle fasce più deboli e a rischio quale priorità per l’inclusione sociale nel contesto urbano
  • la promozione di politiche di inserimento socio-sanitario per le popolazioni di migranti
  • il miglioramento degli standard di accessibilità e fruibilità dei servizi urbani per persone disabili
  • lo studio e monitoraggio, a livello urbano, i determinanti della salute dei cittadini, con una forte alleanza tra Comuni, Aziende Sanitarie, Istituti Scolastici, Industria e professionisti, per sviluppare interventi specifici volti a ridurre i rischi per la salute e a promuovere un ambiente urbano sano e inclusivo
  • il monitoraggio con attività mobili (campers) nei quartieri finalizzate all’educazione sanitaria, alla diffusione della cultura della vaccinazione come aderenza ai modelli sani di convivenza, al supporto psicologico per richieste di aiuto inascoltate

la rigenerazione del sistema economico, attraverso

  • l’affiancamento e il sostegno alle imprese coraggiose e innovative,
  • il monitoraggio del fenomeno delle infiltrazioni criminali nel settore dei servizi e della ristorazione oltre che più in generale nella impresa,
  • il supporto le vittime di racket e usura.

la rigenerazione della mobilità, attraverso

  • il ripristino delle strade cittadine e la manutenzione regolare e pianificata delle stesse, con un controllo effettivo e rigoroso sulla qualità dei lavori.
  • l’attivazione dei collegamenti ferroviari con l’aeroporto Vincenzo Bellini, con le zone balneari e con le principali Città siciliane.

la rigenerazione dello sport Cittadino, attraverso

  • la reintroduzione dei Giochi della Gioventù, con il coinvolgimento di tutte le scuole della città e della provincia;
  • la Sottoscrizione di un “Protocollo di intesa” con il CONI NAZIONALE e l’Istituto di Medicina dello Sport per attività di orientamento sportivo e di screening dello stato di salute degli alunni
  • la creazione di un data-base “di giovani talenti” da mettere a disposizione delle società sportive locali
  • la gestione in autofinanziamento delle strutture sportive, prevedendo l’organizzazione all’interno delle stesse  di manifestazioni ed eventi e ludico-sportivi.
  • la sottoscrizione di un “Protocollo di intesa” con le compagnie aeree affinché venga data l’opportunità alle squadre aretusee di usufruire di agevolazioni per eventuali trasferte e/o raduni sportivi

la rigenerazione del Parco Robinson, attraverso 

  • la creazione di un percorso jogging perimetrale interno al parco per dare l’opportunità di correre in totale tranquillità
  • la creazione all’interno del parco di una “dog area” dove poter far giocare liberamente i cani senza che possano interferire con altre attività all’interno del parco
  • il pieno recupero e l’ammodernamento  del tensostatico già presente all’interno del parco
  • la costruzione di una pista  per pattinaggio a rotelle, adeguato alle nuove norme vigenti.
  • il ripristino dei campi da tennis,
  • la costruzione di un campo di “Padel”, di calcetto e di basket.
  • la creazione di un’area ricreativa con campi da bocce e aree per il tempo libero
  • l’installazione di barbecue in pietra con adiacenti gazebi, tavoli e panche fissate al suolo .
  • la creazione di aree dedicate con strutture per favorire la mobilità e la partecipazione delle persone con disabilità
  • il ripristino dell’area giochi per bambini.
  • l’organizzazione degli eventi sportivi all’interno del parco per attività di promozione dello sport e di sensibilizzazione nei confronti dei giovani che risiedono nel quartiere.

la rigenerazione culturale, attraverso

  • la valorizzazione completa e organica del nostro enorme patrimonio culturale materiale e immateriale
  • la creazione del grande Parco Archeologico di Siracusa, del Museo della Città  e della Galleria Civica di arte contemporanea
  • la gestione programmata della nostra straordinaria tradizione teatrale classica con un collegamento sapiente tra l’Inda, le migliori Associazioni Teatrali cittadine, il Teatro Greco e il Teatro comunale
  • una stagione permanente che coinvolga l’intero tessuto cittadino attraverso la individuazione di nuovi straordinari scenari teatrali naturali
  • la creazione di un grande spazio per concerti e spettacoli attraverso la riattivazione del Grande Anfiteatro Romano
  • la creazione di spazi teatrali nei quartieri popolari, a Belvedere e a Cassibile, presso il Castello Eurialo e il Borgo Antico.
  • Il rilancio della biblioteca comunale e del suo “Fondo Antico” e sua nuova sede, in collaborazione con la  Biblioteca Alagoniana.

la rigenerazione del bilancio, attraverso

  • le forme partecipate di bilancio sociale
  • un piano strategico per la piena utilizzazione delle risorse comunitarie
  • la creazione di un Ufficio speciale aperto alla piena collaborazione dei giovani progettisti.

la rigenerazione etica, attraverso

  • la partecipazione politica come elemento essenziale di “cittadinanza attiva” ed allontanare definitivamente dalle Istituzioni le zone grigie
  • il contrasto alle mafie,
  • il costante monitoraggio degli appalti pubblici in collaborazione con la Prefettura e la creazione di Albi professionali dai quali attingere, con un rigido sistema di rotazione, per una equa valorizzazione delle professionalità, delle opportunità, delle competenze.
  • il definitivo superamento di ogni privilegio e favoritismo nel conferimento di incarichi pubblici .
  • l’assistenza legale gratuita per tutti i cittadini che si ribellano
  • la costituzione di parte civile del Comune in ogni processo per reati di mafia e corruzione o per reati ambientali e contro la salute pubblica
  • il coordinamento del Corpo dei vigili urbani direttamente dal Sindaco per garantire continuità e autorevolezza nel controllo del territorio

la rigenerazione della politica culturale, attraverso

  • la cultura della partecipazione: costituire in ogni quartiere dei presidi fisici ben identificati che diventino poli di “ascolto”, luoghi dove è possibile incontrare “l’amministrazione comunale” che da ente astratto diventa presenza fisica e interlocutoria per partecipare e condividere le azioni che il governo cittadino intende realizzare
  • la cultura dell’eccellenza: razionalizzazione e ottimizzazione dei processi operativi per favorire la crescita delle competenze primariamente per tutte le persone che operano negli uffici comunali
  • la cultura della consapevolezza: allungamento della stagione degli spettacoli classici nel periodo invernale presso il Teatro Comunale di Ortigia e tutti i siti archeologici all’interno del perimetro delle Mura Dionigiane; Potenziamento della scuola di Teatro dell’INDA con produzioni teatrali collegate; organizzazione di grandi eventi festivalieri
  • la cultura del decoro: cura del verde cittadino, ricavando spazi fruibili e di bellezza anche da piccoli lembi di terreno lasciati incolti: cura dell’ estetica del parcheggio e del grande slargo sterrato e incolto di fronte ad esso; rispetto dell’uso degli spazi comuni e dei codici di comportamento (mai più turisti in costume per le vie di Ortigia o pasti consumati sugli scalini del Duomo, con relativi rifiuti lasciati lì in bella mostra); blocco della proliferazione di tavoli e sedie di plastica ed arredi inadeguati sul piano estetico, nell’uso e la gestione dei dehors di ristoranti e luoghi di consumo di cibo.

Noi vogliamo soprattutto amarla questa Siracusa e amarla nonostante i suoi difetti, consapevoli che sono anche i nostri difetti.

Attivandoci senza più limitarci al “lamento” continuo o alla denigrazione sistematica di ogni iniziativa.

Partecipando senza più delegare.

Pretendendo diritti e non cercando favori.

Proteggendo e avendo cura  beni comuni come e più dei nostri beni privati.

Noi crediamo anche  che più dei programmi contino le storie delle persone che li rappresentano.

Per questo, sottoscrivendo questo Manifesto, ci affidiamo al volto e alla storia umana e politica di Fabio Granata, oltre vecchi schemi ideologici.

Ci affidiamo alla sua consapevolezza culturale, alla sua conclamata capacità di governo, alla sua onestà, alla sua lealtà, alla sua rete di relazioni, alla sua trasparenza.

Noi ci affidiamo soprattutto al suo essere uomo non condizionabile dal sistema di potere che ha assoggettato la politica cittadina, attaccando  i beni comuni e la bellezza e spesso calpestando la dignità e la qualità della vita dei siracusani.

Noi vogliamo andare Oltre.

Così Rigenereremo Siracusa*

TRAGUARDI 2018-2023

1)Grande Parco archeologico e urbano di Siracusa

2)Museo della Città in Piazza Duomo presso sede Storica Museo Paolo Orsi.

3)Governance Teatro Comunale in collaborazione con Inda e Associazioni Teatrali Siracusane.

Progetto Festival Siracusa Città e Capitale del Teatro con la istituzione delle “Feste Siracusane del teatro antico” – scandite lungo tutto l’arco dell’anno e da svolgersi anche in luoghi inediti come “quinte teatrali”Castello Eurialo, l’area della ciclabile alla Mazzarrona, le Latomie, la piazza S.Lucia della Borgata, il Borgo Antico di Cassibile le spiagge di Arenella e Fontane Bianche:un progetto di teatro diffuso, capace di includere i cittadini e destagionalizzare strutturalmente il turismo .

4)Rigenerazione intero sistema delle strade urbane e extra urbane con nuovi materiali e basolati.

5)Riapertura Chiesa del Collegio e del Cinema Verga

6)Riattivazione gemellaggio Siracusa- Stoccolma e Siracusa-Corinto

7)Riapertura definitiva e destinazione a Mercato dell’Antico Mercato

8)Riapertura sede Storica Liceo Tommaso Gargallo

9)Recupero e Rigenerazione del Cinque Piaghe

10)Rigenerazione e riqualificazione Passeggio Talete

11)Sistemazione Chioschi cittadini con stili analoghi e integrati

12)Centro Congressuale Naturale e piena valorizzazione Centri Commerciali Naturali.

13)Collegamento marittimo Borgata Ortigia Borgata Navetta continua 8-24

14)Piano del colore e interventi strutturali edilizia popolare .

15)Creazione Albo Storico attività Commerciali e artigianali

16)Collegamento ferroviario Siracusa -Fontane Bianche

17)Collegamento Ferroviario Siracusa -Noto-Modica.

18)Collegamento ferroviario Siracusa-Aereoporto Vincenzo Bellini Catania 8-24

19)collegamento aliscafo Siracusa- Malta-Siracusa

20)collegamento aliscafo Siracusa – Eolie – Siracusa

21)collegamento aliscafo Siracusa – Naxos- Siracusa

22)Rigenerazione Parco auto mezzi pubblici e bus elettrici

23)Solarizzazione integrale scuole e edifici pubblici.

Interventi adeguamento antisismici in tutte le scuole e obbligatorietà del libretto di manutenzione edificio

24)realizzazione parcheggi e sistema navette tra stazione – umbertino- Ortigia

25)Rigenerazione Palazzetto dello Sport e Stadio Comunale con nuove tribune adeguate a una utilizzazione polivalente, compresi i grandi concerti.

26)Rigenerazione Castello Maniace.

27)Rigenerazione Tonnara di Santa Panagia e nascita Museo del Mare

28)Rigenerazione Cimitero comunale e ristrutturazione cimitero monumentale e loculi, ripristino posto di Polizia cimiteriale

29)Rigenerazione della Borgata con proposta legge speciale per contributi alle ristrutturazioni e liberazione area Sbarcadero con eliminazione posteggio Camper

30)Creazione del Viale del Patrimonio tra

Parco archeologico-Santuario-Museo Paolo Orsi -Latomie dei Cappuccini

31)valorizzazione Castello Eurialo Belvedere.

Valorizzazione Borgo Antico Cassibile

32)Grande Progetto “Canili zero”attraverso politiche di sterilizzazione, adozione e assistenza.

Adozione misure sostegno colonie feline .

33)Realizzazione Water Front con

interventi demolitivi tra Ortigia e Contrada Isola e lungo il Porto con recupero grande area archeologia industriale Spero

34)rigenerazione Circuito automobilistico per competizioni ed eventi motoristici

35)Valorizzazione Riserva Ciane Saline e Fiume Anapo

36)Valorizzazione e riapertura carcere borbonico con Museo Borbonico e visite guidate in collaborazione cooperative detenuti e guardie carcerarie in pensione

37)Rigenerazione di tutte le aree mercatali con agevolazioni e diritti garantiti per i commercianti siracusani

38)Tolleranza zero abusivismo edilizio e commerciale .

39)Perfezionamento, estensione e miglior organizzazione della raccolta differenziata.

Applicazione metodo “rifiuti zero”.Agevolazioni e riconoscimento ecoconferitori con sgravi riconosciuti fino a Tari zero.

40)Rilancio e sostegno alla facoltà di Architettura .

Nuovi corsi di Laurea e Masters universitari collegati alla tradizione classica e alla ricerca archeologica e alla formazione di figure manageriali sulla gestione del patrimonio Unesco, del Turismo Culturale e al settore della rigenerazione ambientale e urbana e alle bonifiche.

Rigenerazione e rinascita attività musicali con valorizzazione realtà associative storiche, Istituto musicale e scuola della Musica, Banda municipale e restauro sede attività musicali e bandistiche

41)Realizzazione Rete delle scuole pubbliche e rapporto con la Città.

42)Cimitero animali di affezione

43)Navetta alberghi e aree di interesse culturale attraverso finalizzazione capitolo di bilancio tassa di soggiorno

44)Battello Borgata -Ortigia -Isola-Arenella -Fontane Bianche

45)Rigenerazione Parco Robinson con rinnovata piantumazione, recupero ed installazione di nuove infrastrutture ludico sportive, gestione sociale e vigilanza

Recupero e valorizzazione Aree verdi periferiche e creazione di parchi in aree comunali in stato di abbandono o incuria

46)nuova organizzazione di mobilità urbana creazione di piste ciclabili dedicate alle zone periferiche e creazione aree di mobilità dedicata alle scuole per poter permettere la più ampia autonomia anche per le fasce più deboli come bambini ed anziani.

47)Progetto Scuola/ Oratorio a sostegno delle famiglie residenti nelle aree periferiche e disagiate della città che hanno difficoltà a seguire i figli nell’orario pomeridiano, un supporto scolastico, educativo e ricreativo a costo zero, sia per le famiglie che per l’amministrazione, attraverso la messa in rete della attività di scuole, Parrocchie e Associazioni .

48)Pianificazione del Sistema integrato dei Poli per l’Infanzia

Attivazione di mense scolastiche coerenti con l’organizzazione delle scuole e miglioramento continuo della qualità del servizio;

Sperimentazione della figura dello psicologo scolastico negli istituti compresivi della città, in stretta sinergia con l’Ordine degli psicologi e la Regione Siciliana;

Promozione di progetti educativi extrascolastici destinati agli alunni svantaggiati, in collaborazione con le agenzie educative e formative non formali presenti nel quartiere della scuola (doposcuola, lingue straniere, attività motorie e sportive)

49)Istituzione Giochi della Gioventù cittadini con il coinvolgimento di tutte le scuole cittadine .

Prima domenica Mattina di ogni mese Festa cittadina dello Sport ogni volta in una Piazza o Luogo diverso.

50)inizieremo il nostro Viaggio con una Class Action contro i gruppi petroliferi per pretendere l’applicazione del principio europeo, recepito dal nostro ordinamento, che “chi inquina paga, risarcisce le vittime e i danni ambientali e bonifica”.

Destineremo i proventi alla creazione di un polo oncologico specializzato presso l’Ospedale Rizza rigenerato e all’interno di un complessivo progetto di recupero e rigenerazione dell’enorme patrimonio edilizio sanitario pubblico dall’Onp all’Umberto I, al Cinque Piaghe .

Pin It on Pinterest